Bone Records: Quando durante la guerra fredda i vinili venivano copiati sulle radiografie dei pazienti ospedalieri

Bone Records vinili radiografie

Durante la Guerra Fredda la Russia era un posto molto restrittivo in cui vivere. Gli amanti della musica dovettero ricopiare i vinili del momento su radiografie ospedaliere.

I media vennero pesantemente censurati, le trasmissioni radiofoniche e televisive occidentali bloccate.

I libri che criticavano il regime sovietico vennero banditi e la riproduzione di musica occidentale venne considerata priva di morale e di conseguenza proibita.

Allo stesso tempo però chi si ribellava a questo sistema di controllo crebbe in maniera esponenziale.

La letteratura e le pubblicazioni clandestine si diffusero grazie al “passamano”, mentre la musica venne contraffatta in un modo davvero bizzarro.

A quei tempi, la musica era disponibile solo su dischi in vinile e per copiarli era necessario un tornio per la registrazione e i dischi vuoti.

Queste attrezzature erano costose ai tempi e non facilmente reperibili.

Nonostante la mancanza delle attrezzature e dei materiali necessari molti adolescenti sovietici, con una certa predilezione per il jazz, il rock-n-roll e il pop, costruirono torni improvvisati ricavati da vecchi fonografi convertiti, e riuscirono a duplicare molti album di artisti occidentali come Elvis, i Beatles, i Rolling Stones e i Beach Boys.

Mentre per riprodurre la musica, vennero raccolte vecchie radiografie dai cassonetti degli ospedali. Il risultato era un disco flessibile dal suono orribile.

Ma a loro questo non importava molto; perché la musica era in grado di unire le persone e di abbattere i muri.

Ecco alcuni esempi di Bone Records:

Purtroppo però, dopo una decina di passaggi, il disco tendeva a disintegrarsi…

PER APPROFONDIRE

You May Also Like

About the Author: viralximo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

PUOI SEGUIRCI SU

close-link