Le prigioni olandesi convertite in alberghi e appartamenti a causa della mancanza di detenuti

olanda prigioni trasformate in hotel

L’Olanda ha un problema con carceri e prigionieri, proprio come qualsiasi altro paese. Ma mentre il resto del mondo è alle prese con il sovraffollamento, i Paesi Bassi stanno lottando per riempire le prigioni rimaste ormai vuote.

In effetti, il paese sta praticamente finendo le persone da rinchiudere… Così il governo è stato costretto a chiudere le prigioni in tutto il paese.

Fossero questi i problemi…

I tassi di criminalità nei Paesi Bassi stanno crollando vertiginosamente negli ultimi due decenni, grazie al nuovo approccio delle forze dell’ordine che preferisce la riabilitazione alla detenzione.

Gli olandesi hanno un pragmatismo profondamente radicato nella regolamentazione della legge e dell’ordine

Ha dichiarato al New York Times René van Swaaningen, professore di criminologia alla Erasmus School of Law di Rotterdam.

Le carceri sono molto costose. A differenza degli Stati Uniti, dove le persone tendono a concentrarsi sugli argomenti morali per la reclusione, i Paesi Bassi sono più concentrati su ciò che funziona e ciò che è efficace

Nel 2015, i Paesi Bassi hanno affittato alcune delle loro celle vuote a Norvegia e Belgio. Circa 250 prigionieri norvegesi sono stati importati in celle vuote nella prigione di Norgerhaven.

Dal 2013, i Paesi Bassi hanno chiuso 19 prigioni e altre verranno chiuse nei prossimi anni.

Alcune di queste prigioni sono state trasformate in alloggi per richiedenti asilo o addirittura riconvertite in appartamenti e alberghi.

Il carcere di Het Arresthuis a Roermond fu inaugurato nel 1863 e, dopo quasi 150 anni di utilizzo, venne chiuso nel 2007.

Quattro anni dopo, aprì come hotel con 40 stanze ricavate dalle celle originarie. Le sue quattro suite più care sono denominate The Lawyer, The Judge, The Governor e The Jailer.

Ecco alcune immagini:

Info e prenotazioni

FONTE

You May Also Like

About the Author: viralximo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

PUOI SEGUIRCI SU

close-link